Installatore aria condizionata: rivolgersi sempre ad un tecnico professionista

In quasi tutte la abitazioni ormai troviamo uno o più condizionatori installati. Fino a qualche anno fa i condizionatori erano considerati dei beni di lusso e non tutti potevano permettersi di averne uno. Con il passare del tempo però l’economia è cambiata e con essa molti stati sociali. Oggi avere un condizionatore in casa è dato quasi per scontato. Le domande sono aumentate e con esse anche la varietà di prodotti disponibili sul mercato. La crescente domanda di impianti di condizionamento ha di conseguenza fatto aumentare anche quella degli installatori aria condizionata. In base ad una legge del 2016, in Italia, il fai d ate sull’installazione dei condizionatori non solo è sconsigliato, ma è anche proibita. Solo un installatore aria condizionata specializzato può montare impianti a regola d’arte.

Regole divieti e sanzioni

In base al DPR n°43 del 27 gennaio 2012, che ha reso possibile l’applicazione del regolamento europeo n°842/2006 sui gas fluorurati a effetto serra, non è quindi più possibile improvvisarsi installatori aria condizionata. La norma infatti prevede che il personale incaricato di eseguire l’installazione, deve essere in possesso di un’apposita autocertificazione per operare su apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d’aria e pompe di calore contenenti gas fluorurati a effetto serra. Per chi non rispetta queste disposizioni sono anche previste delle sanzioni pecuniarie piuttosto gravose, che vanno dai 500 ai 6000 euro. Le norme che regola le sanzioni pecuniarie e amministrative sono contenute nel decreto legislativo n°26 del 5 marzo 2013.

L’Unione Europea con il regolamento successivo n° 517 del 16 aprile 2014 ha anche sancito che gas fluorurati possano essere venduti / acquistati solo da imprese in possesso di certificazione. É obbligatorio per le imprese fornitrici tenere appositi registri nei quali tracciare acquisti e acquirenti dei gas fluorurati.

Regole di manutenzione di un condizionatore

Oltre alle norme che stabiliscono chi può e chi non può installare i condizionatori d’aria, esistono anche quelle sulla corretta manutenzione per l’apparecchiatura.
Gli installatori di aria condizionata si occupano anche della manutenzione dei condizionatori. La normativa infatti prevede che ogni singola macchina uguale o superiore a 12 KW, debba avere una propria “Carta di identità”. Il libretto del condizionatore è rilasciato direttamente dall’installatore, che ha anche l’obbligo di trasmettere il rapporto sull’efficienza energetica all’ente locale per aggiornare di conseguenza il catasto.
Inoltre, periodicamente, è necessario far eseguire un controllo e relativa manutenzione sull’impianto installato, da personale certificato.

Installatore aria condizionata

Controlli e sanzioni

Gli enti locali hanno la facoltà di effettuare controlli a campione su qualsiasi impianto di climatizzazione, per verificarne efficienze energetica e la regolarità della manutenzione. Nel caso in cui, durante un controllo, venisse rilevato dall’autorità qualche irregolarità sull’installazione o sulla manutenzione dell’impianto, il proprietario del climatizzatore sarebbe passibile di multa.
E sulle multe le autorità non scherzano, perché gli importi sono particolarmente onerosi. Si va infatti dai € 500 fino a € 3000. Allo stesso modo un installatore aria condizionata che non effettua regolare controlli di conformità, rischia sanzioni che vanno dai € 1000 ai € 6000.

Gas refrigerante R32

Qualche anno fa il gas che veniva utilizzato negli impianti di condizionamento era l’R410A. Da qualche anno a questa parte invece la nuova normativa ha previsto che l’unico gas utilizzabile legalmente è l’R32. Questo cambiamento è stato necessario per motivi di tutela ambientale. I vecchi gas R410A ed R22 sono ora considerati nocivi per la salute del pianeta e messi di conseguenza al bando. Alla luce di tutto questo è importante, in fase di acquisto del condizionatore, assicurarsi che questo utilizzi esclusivamente questo nuovo gas non dannoso per lo strato di ozono.
In caso di dubbi e perplessità è possibile comunque rivolgersi ad esperti installatori aria condizionata per avere informazioni in più anche sulle schede tecniche delle varie apparecchiature.

Un impianto refrigerante e regola d’arte

Abbia visto quindi che installare un impianto di condizionamento (casalingo o meno) non è affare da poco. Per farlo, e farlo bene, è giusto rivolgersi ad un installatore aria condizionata specializzato nel settore e in possesso di tutti i requisiti legali per operare come installatore e manutentore. Per evitare multe, sanzioni, o problemi con l’impianto installato, è quindi bene evitare il fai da te e optare per chi sa dove mettere le mani.